TIMCUP – CITTADELLA DI MISURA. ALBINOLEFFE GIÀ FUORI DALLA COPPA

albinoleffe-calcio-lega pro
Arrighini segna ed il Cittadella s’impone di misura regalandosi il Bologna.  All’AlbinoLeffe non è bastata una grande seconda frazione per avere la meglio su un avversario di categoria superiore in grado di capitalizzare al meglio le occasioni avute.  
La pioggia battente, scesa a ripetizione sul Pier Cesare Tombolato a pochi attimi dall’inizio del match, non ha condizionato una partita che ha visto le due squadre esprimere un buon gioco palla a terra e fronteggiarsi a suon di fraseggi ed accelerazioni improvvise.
Pronti-via e conclusione dalla distanza di capitan Iori fuori di poco. Al 6’ una girata di testa in mischia porta al salvataggio sulla linea di Gonzi. Il primo pericolo di marca AlbinoLeffe è firmato da Ravasio, che prova a sorprendere il portiere con un pallonetto dai 30 metri, palla alta sopra la traversa. Dopo undici minuti Litteri sfonda sulla sinistra e mette un cross sul secondo palo, non ci arriva però l’accorrente Arrighini. Al 17’ è Settembrini a provarci con un potente destro dal limite, ma la mira non è delle migliori. Tre giri di lancette più tardi è Arrighini a rendersi pericoloso con un bel dribbling sull’out di destra ed un traversone teso a centro area che nessuno dei compagni raccoglie. La prima conclusione bluceleste è di Montella, che dopo il suo tipico movimento ad accentrarsi tenta di sorprendere Paleari con un rasoterra però troppo debole. Un grave errore in ripartenza è fatale ai seriani, che al 31’ passano in svantaggio con il colpo a botta sicura di Schenetti servito ottimamente da Litteri. Il numero sette avrebbe una chance per raddoppiare al 34’ ma a tu per tu con Cortinovis spara alto, tra l’incredulità di tutti i tifosi granata presenti al Tombolato. L’AlbinoLeffe si sveglia e va vicina al pareggio al 42’ con Zaffagnini che in proiezione offensiva colpisce di testa, ma un gran riflesso dell’estremo difensore avversario gli nega la gioia del gol. Sul capovolgimento di fronte è Siega ad andare vicino al 2-0, ma il bell’assolo di Siega viene fermato dal palo interno.
La ripresa inizia con lo stesso copione ed il Cittadella si rende subito pericoloso con un fendente dai venticinque metri di Salvi. I seriani però non stanno a guardare ed una percussione ubriacante di Gonzi viene sventata in angolo. Dal seguente Montella raccoglie un pallone vagante in area e prova il diagonale, ma la risposta di Paleari è provvidenziale. Dopo dieci minuti è Giorgione ha provarci su punizione, ma l’esito non è confortante. Al 16’ il neo-entrato Gelli guadagna il fondo e serve Gelli, sponda per Ravasio e spaccata del numero diciannove alta. E’ un altro AlbinoLeffe e si vede ed al 21’ arriva la rete del pareggio. A siglarla è Ravasio (al secondo gol in questa competizione) che è abile a ribadire in rete la corta respinta del portiere veneto sulla punizione calciata da Giorgione. Centoventi secondi più tardi è Sbaffo ad anticipare tutti e a provare la conclusione mancina dal limite dell’area, palla che sibila il palo ed esce. I padroni di casa si rivedono dalle parti di Cortinovis al 28’ con un doppio tentativo della coppia Kouame-Siega. Dall’altra parte è Sbaffo colpisce di testa controtempo, risultato sfera che si perde ampiamente sul fondo. Al 32’ nuovo il Cittadella torna in vantaggio con Arrighini, abile a sfruttare una disattenzione della difesa bluceleste. L’occasione per riportare i conti in parità capita qualche istante dopo sulla testa di Montella, ma il numero dieci orobico non inquadra lo specchio della porta. Un’altra colossale chance capita al 45’ sui piedi di Sbaffo che però calcia alto. I ragazzi di mister Alvini producono il massimo sforzo alla disperata ricerca del pareggio e ancora Montella s’insinua tra le maglie dei difensori ed arriva a tu per tu con Paleari che in uscita gli nega la rete, sancendo così la vittoria ed il passaggio del turno della propria squadra.
Be Sociable, Share!