ALBINOLEFFE SENZA LIMITI. MONDONICO E KOUKO FIRMANO IL SUCCESSO SULLA FERALPISALÒ

albinoleffe-feralpisalò-calcio-serie c
Quella di Salò si prefigurava come una trasferta ostica per l’AlbinoLeffe e così è stato. L’avversario era la FeralpiSalò, una compagine esperta di assoluto valore che dopo un inizio altalenante si ritrovava in sesta posizione. 
Il tecnico Alvini riusciva a recuperare in extremis due pedine importanti come Sbaffo e Giorgione e decideva di proporre la stessa formazione iniziale che tanto bene aveva fatto a Fermo.
Pronti-via ed e sono i padroni di casa a rendersi pericolosi al 4’ con Guerra che prova la conclusione dal limite trovando però sulla strada l’opposizione di un difensore avversario. L’AlbinoLeffe però non ci sta e passa in vantaggio già alla prima occasione creata con Mondonico, abile a ribadire in rete una corta respinta di Livieri su una punizione velenosa calciata da Giorgione. I leoni del Garda provano ad abbozzare una reazione ma non riescono a creare grattacapi verso la porta di Coser, anzi a rendersi pericolosi sono ancora gli ospiti al 23’ con Kouko, che ben imbeccato da Gonzi, non riesce ad indirizzare la palla. La risposta verdazzurra arriva due giri di lancette più tardi, prima con un sinistro alto di Staiti e poi con una conclusione strozzata di Guerra. I seriani sono compatti e quando ripartono fanno male. E’ proprio così che nasce il raddoppio, con una veloce ripartenza che libera in profondità Kouko, il numero nove bluceleste, a tu per tu con l’estremo difensore gardesano, è glaciale ed insacca il pallone dello 0-2.
La ripresa si apre con il prevedibile forcing salodiano che porta subito alla rete di Guerra dopo dodici minuti con una prepotente deviazione sugli sviluppi di calcio d’angolo. L’AlbinoLeffe incassato il colpo viene chiamata sulla difensiva, ma riesce a gestire gli attacchi avversari senza andare troppo in affanno ed al 34’ si fa vedere dalle parti di Livieri con una conclusione del neo-entrato Ravasio. Gli animi in campo si scaldano e a farne le spese sono gli ospiti: al 35’ viene allontanato per proteste il tecnico Alvini e a tre dal gong il direttore di gara Acanfora mostra il rosso diretto a Sbaffo, reo colpevole di un’entrata pericolosa ai danni di Para. Nel mezzo una gran parata di Coser che si ripete al 47’ su Ferretti.
Il portierone di Gazzaniga mette così il suo sigillo su tre punti fondamentali per il proseguo del cammino bluceleste nelle zone nobili della classifica, sfatando inoltre il tabù FeralpiSalò che durava da dieci incontri.
Be Sociable, Share!